Omofobia: Romano, 'Ddl Zan va bene così, con gli Odg risposte a dubbi in buona fede'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 lug (Adnkronos) – Il Ddl Zan "è una legge equilibrata, sacrosanta, non è una forzatura". Andrea Romano, deputato del Pd, libera subito il campo dai ogni possibile equivoco in vista dell'approdo in aula al Senato del provvedimento contro l'omofobia e la transfobia. "Io credo che la legge debba essere approvata cosi com'è perché è uscita dalla Camera dopo un lungo lavoro di integrazione ed è un ottimo compromesso", chiarisce il portavoce di Base riformista all'Adnkronos.

"Questa legge non fa altro che estendere le tutele della legge Mancino alle persone con disabilità, Lgbt e alle donne. E' equilibrata e rientra nella categoria delle leggi contro i crimini di odio che esistono nella gran parte dei Paesi occidentali", spiega ancora Romano.

Cosa risponde a chi, però, chiede che la legge sia modificata? "Bisogna distinguere -dice l'esponente del Pd-. Le polemiche nascono dalla destra italiana che ha scelto la linea ungherese-russa che asseconda o fomenta la discriminazione Lgbt nonostante il fatto che in Europa leggi analoghe alla Zan siano state promosse dalla destra: in Inghilterra e in Francia. Ma in Italia la destra è in mano ai sovranisti e ha fatto una polemica pretestuosa e strumentale. Polemica che va respinta in Parlamento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli