Omofobia: Schuster, 'Cassazione rigetta ricorso ente religioso contro docente trentina'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 nov. (Adnkronos) – "La libertà d’insegnamento di un ente religioso non può divenire fonte di discriminazione delle persone. La Corte di cassazione ha rigettato il ricorso di un Istituto cattolico contro una docente trentina a cui non venne rinnovato il contratto per sospetti sul suo orientamento sessuale". Lo riferisce in un comunicato l'avvocato difensore della docente, Alexander Schuster.

"Con ordinanza n. 31071/2022 la Sezione lavoro della Corte di cassazione in data odierna ha posto la parola fine alla vicenda che vedeva coinvolta una docente trentina, la quale non si vide rinnovare nel 2014 il contratto da parte di un Istituto religioso (cattolico) per sospetti sul suo orientamento sessuale. Con una sentenza del 7 marzo 2017 la Corte di appello di Trento aveva condannato l’Istituto, anche in ragione del carattere ritorsivo e diffamatorio delle sue condotte, a risarcire alla docente il danno da discriminazione per euro 30.000 a titolo di danno morale e per euro 13.329 a titolo di danno patrimoniale, nonché alle associazioni Cgil del Trentino e Associazione radicale Certi diritti la somma di Euro 10.000 ciascuna a titolo di risarcimento, nonché alla pubblicazione del dispositivo sul quotidiano la Repubblica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli