Omofobia: sottosegretaria Floridia, 'ddl Zan è proposta di libertà anche a scuola'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 lug. (Adnkronos) – "Il #DdlZan arriva in Senato. Come sottosegretaria all’Istruzione mi viene spesso chiesto se questa legge influirà anche sull’educazione dei nostri studenti. Questo e gli altri disegni di legge contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere, identità di genere e abilismo di cui discutiamo sono proposte di libertà, non di indottrinamento, come qualcuno vuole far credere". Lo scrive sulla sua pagina Facebool la sottosegretaria all'Istruzione Barbara Floridia.

"Con l'articolo 7, viene istituita per il 17 maggio la giornata nazionale contro l'omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia. La norma è chiara – spiega – non c’è alcun obbligo formale per le scuole di promuovere attività in violazione della libertà di insegnamento, trattandosi di iniziative di sensibilizzazione e prevenzione anti-discriminatoria che, in ogni caso, sarebbero realizzate e promosse – ai sensi dell'articolo 4 della medesima legge – nel pieno rispetto del pluralismo delle idee e della libertà delle scelte, nonché dell'autonomia scolastica, sia amministrativa, sia organizzativa e gestionale di ciascuna istituzione".

"Non è dunque in alcun modo toccata la libertà di orientamento culturale e indirizzo pedagogico-didattico a scuola. Queste attività rientrano nell'alveo e nelle garanzie costituzionalmente previste. Chiarito questo – conclude – mi auguro che al pari di altre Giornate di sensibilizzazione a scuola, si consideri quella del 17 maggio come un’opportunità per riflettere e dialogare sui temi del rispetto dell’altro e dell’identità sessuale, in piena armonia con i principi di libertà sanciti dalla Costituzione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli