Oms: aumento contagi esponenziale, allarme Europa

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Allarme rosso Covid-19 in Europa, la pandemia di coronavirus corre. "Il numero di nuovi casi e decessi segnalati nella regione europea sta aumentando in modo esponenziale, con un +36% e +37% di casi e decessi rispetto alla settimana precedente, l'aumento più elevato registrato in una sola settimana in questa regione". A segnalarlo è l'Organizzazione mondiale della sanità, che aggiunge come, per la seconda settimana consecutiva, la Regione Europea ospiti la maggior parte dei nuovi casi, con oltre 1,3 milioni di positivi la scorsa settimana, contribuendo al 46% di tutti i nuovi casi di Covid segnalati nel mondo questa settimana.

"Sebbene il numero di morti stia gradualmente aumentando, la percentuale di decessi rispetto ai positivi rimane relativamente bassa, rispetto alla fase iniziale della pandemia", rilevano però gli esperti Oms. Più in dettaglio, la Francia conta il maggior numero di nuovi casi, oltre 200.000 negli ultimi 7 giorni. Inoltre nell'ultima settimana i ricoveri e l'occupazione delle terapie intensive sono aumentati in 21 paesi. I dati attuali, si legge nel report, rappresentano circa il 25% dei numeri riportati durante il picco all'inizio della pandemia. Sulla base dei dati forniti, si stima che il 18% dei pazienti sia stato ospedalizzato, con il 7% dei ricoverati che necessita di terapia intensiva o supporto respiratorio.

Nel Regno Unito i nuovi casi sono aumentati del 30% nell'ultima settimana. Preoccupa il Galles, dove è cresciuta la pressione sul personale in prima linea. C'è anche un forte aumento del numero di ricoveri in terapia intensiva tra gli over 65 in Inghilterra.

Altri paesi segnalano elevati tassi di ospedalizzazione: fra questi la Repubblica Ceca, dove i nuovi decessi per milione di persone sono al livello più alto (67) dall'inizio della pandemia e gli ospedali dovrebbero arrivare a saturazione entro metà novembre. Nell'ultima settimana infine la Slovenia ha riportato il più alto aumento giornaliero di casi. Per ridurre la trasmissione, il paese è stato suddiviso in zone "rosse" e "arancioni".