OMS: Industria tabacco tra i più grandi inquinatori del pianeta

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 mag. (askanews) - Ogni anno l'industria del tabacco costa al mondo più di 8 milioni di vite umane, 600 milioni di alberi, 200.000 ettari di terra, 22 miliardi di tonnellate di acqua e 84 milioni di tonnellate di CO2. Sono i dati diffusi dall'OMS in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco che si celebra oggi.

La maggior parte del tabacco - si legge - viene coltivata nei paesi a reddito medio-basso, dove l'acqua e i terreni agricoli sarebbero necessari per produrre cibo. E intanto sempre più foreste vengono abbattute.

Il rapporto dell'OMS "Tobacco: Poisoning our planet" evidenzia che l'impronta di carbonio del settore derivante dalla produzione, dalla lavorazione e dal trasporto del tabacco equivale a un quinto della CO2 prodotta ogni anno dall'industria delle compagnie aeree commerciali, contribuendo ulteriormente al riscaldamento globale. "I prodotti del tabacco sono gli articoli più disseminati del pianeta, contengono oltre 7.000 sostanze chimiche tossiche, che si riversano nel nostro ambiente quando vengono scartate. Ogni anno circa 4,5 trilioni di filtri per sigarette inquinano i nostri oceani, fiumi, marciapiedi, parchi, suolo e spiagge", ha affermato Ruediger Krech, Direttore della promozione della salute presso l'OMS. Anche prodotti come sigarette, tabacco senza fumo e sigarette elettroniche si aggiungono all'accumulo di inquinamento da plastica. I filtri per sigarette contengono microplastiche e costituiscono la seconda forma più alta di inquinamento da plastica al mondo. Inoltre, rileva il Report, nonostante il marketing dell'industria del tabacco, non ci sono prove che i filtri abbiano effettivi benefici per la salute. Per questo l'OMS invita i responsabili politici a "trattare i filtri per sigarette, per quello che sono: plastica monouso, e prendere in considerazione la possibilità di vietare i filtri per sigarette per proteggere la salute pubblica e l'ambiente".

I costi per ripulire i prodotti del tabacco gettati via ricadono sui contribuenti, piuttosto che sull'industria che crea il problema. Ogni anno, questo costa alla Cina circa 2,6 miliardi di dollari e all'India circa 766 milioni di dollari. Il costo per Brasile e Germania supera i 200 milioni di dollari. Paesi come Francia e Spagna e città come San Francisco, in California, negli Stati Uniti, hanno preso posizione. Seguendo il principio "chi inquina paga", hanno implementato con successo una "legislazione sulla responsabilità estesa del produttore" che rende l'industria del tabacco responsabile dell'eliminazione dell'inquinamento che crea.

L'OMS esorta i paesi e le città a seguire questo esempio, oltre a fornire supporto ai coltivatori di tabacco per passare a colture sostenibili, implementare forti tasse sul tabacco (che potrebbero includere anche una tassa ambientale) e offrire servizi di supporto per aiutare le persone a smettere di fumare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli