Ondata di caldo in Spagna, due morti

(Adnkronos) - Due persone sono morte in Spagna per il caldo. La prima è un uomo di 50 anni. E' deceduto a Mostoles alla periferia di Madrid nel magazzino in cui lavorava con altre persone. Quando i soccorritori sono arrivati, aveva le convulsioni e una temperatura corporea di 42,9 gradi. E' morto nella notte in ospedale. La seconda persone, di circa 60 anni, è morta per le stesse ragioni, mentre lavorava. La sua temperatura corporea, al momento dei soccorsi, era di 41,6 gradi. I due principali sindacati spagnoli, Ugt e Ccoo, hanno denunciato che eventi come questi non dovrebbero mai accadere.

Salgono a 510 in una settimana, 150 solo sabato, le vittime del caldo in Spagna, dove si sono raggiunti in questi giorni anche i 45 gradi. Lo ha fatto sapere il ministero della Salute di Madrid, sulla base delle rilevazioni dell'Istituto di salute Carlos III (ISCIII) riferite al periodo che va dal 10 e al 16 luglio. Secondo il sistema IscIII di monitoraggio della mortalità giornaliera, i decessi si sono quadruplicati da 15 a 60 nei quattro giorni dal 10 al 13 luglio. La cifra è poi balzata ulteriormente a 93 giovedì scorso e a 123 venerdì, prima di raggiungere il culmine di 150 sabato. Si teme che il bilancio delle vittime aumenti ancora.

Il caldo colpisce soprattutto gli anziani, con 321 delle 510 vittime di età pari o superiore a 85 anni, 121 tra i 75 e gli 84 anni e 44 tra i 65 e i 74 anni. Tuttavia, si registrano decessi anche tra i più giovani, come nel caso dei due lavoratori municipali di Madrid morti per un colpo di calore. Tra le vittime più giovani anche un vigile del fuoco e un pastore, morti negli incendi che stanno travolgendo anche la Spagna come alcune altre aree dell'Europa meridionale. Questa è la seconda ondata di caldo estiva della Spagna. La precedente, dall'11 al 17 giugno, ha causato 829 morti, secondo IscIII.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli