Terme di Saturnia 'salve' dopo l'alluvione

webinfo@adnkronos.com

Le celebri cascate termali del Gorello a Saturnia, frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto, sono state travolte dal fango, dopo la grande alluvione che si è abbattuta venerdì in Maremma, ma non hanno riportato danni strutturali, "sono integre" assicura il sindaco di Manciano, Mirco Morini. "Le cascate sono in buona salute". 

Il vicesindaco Luca Pallini ha effettuato un sopralluogo in mattinata e ha constatato che "sono integre e che non hanno riportato alcun danno" precisa l'Amministrazione comunale in una nota. Già venerdì il sindaco aveva comunicato che le cascate "non erano state devastate dall'alluvione, come riportava erroneamente la stampa" si legge ancora. Ma hanno "subito solo una forte piena dovuta alla tanta pioggia caduta".  

"Dopo 5 anni il nostro territorio è stato martoriato da un'altra alluvione" ha detto Morini, dopo la giornata di venerdì caratterizzata dal forte maltempo (criticità di livello arancione), con la caduta di 100 millimetri di pioggia in appena sei ore. Il Comune di Manciano ha iniziato la verifica dei danni su tutto il territorio, partendo dalla rete stradale rurale e comunale e delle aree private e pubbliche.  

"Chiederemo, nel caso, lo stato di calamità alla Regione Toscana - spiega il sindaco - L'amministrazione è vicina a tutti i cittadini e a tutte le aziende che sono state colpite da questa forte ondata di maltempo. Un ringraziamento a mio nome e da parte di tutta l'amministrazione va al consigliere delegato alla Protezione civile Luca Giorgi che ha seguito tutta la fase emergenziale, all’ufficio Tecnico e ai tecnici del Comune, alla Polizia municipale, agli operai del Comune, al gruppo Protezione civile Misericordia di Manciano, alla Provincia e ai i suoi tecnici e operai, alla Polizia provinciale, all'Unione dei Comuni, ai Vigili del fuoco e ai Carabinieri per il lavoro svolto in questa difficile giornata".