Ong Mediterranea, donne e bambini sbarcati dalla nave Mare Jonio

ong mediterranea

Dall’account Twitter ufficiale di Mare Jonio, la nave della ong Mediterranea, arriva una grande notizia. “Finalmente sono sbarcati bambini, donne incinte e naufraghi più vulnerabili – scrivono -. Ancora 34 naufraghi a bordo tra le onde. Fateci sbarcare tutti“. La nota dell’organizzazione non governativa prosegue dichiarando: “Siamo felici, sollevati per loro e grati agli uomini e alle donne della guardia costiera e ai medici del personale sanitario che hanno effettuato il trasbordo in condizioni meteo marine avverse”. Ma dall’equipaggio della Mare Jonio lanciano, infine, un nuovo appello alle autorità italiane.

migranti mediterranea

Mediterranea, sbarco migranti Mare Jonio

Una nota del Viminale ha chiarito: “Come sempre fatto in passato, potranno scendere donne, bambini e malati. Rimane confermato il divieto di ingresso e sbarco per una nave che non rispetta le leggi e che pre-ordinatamente provoca lo stato di necessità a bordo per sbarcare in Italia”. Nella serata di ieri, giovedì 29 agosto 2019, infatti, 64 migranti a bordo della nave Mare Jonio della ong Mediterranea hanno toccato terra a Lampedusa, mentre i restanti 34 rimangono a 13 miglia dall’isola italiana. A bordo restano donne sole, uomini vittime di torture e maltrattamenti: le condizioni dell’equipaggio restano precarie e critiche. L’appello lanciato in mattinata dalla ong è il seguente: “Chiediamo, con forza, che questi naufraghi, insieme all’equipaggio, possano sbarcare il prima possibile. A bordo la situazione rimane precaria. Alle onde si è aggiunto un guasto all’evaporatore e al dissalatore che ci privano di acqua corrente: siamo senza rubinetti in cucina e bagno. Rimane solo una bottiglia di acqua“.