Onu chiede a Emirati Arabi prove di vita della Principessa Latifa

·1 minuto per la lettura
Onu chiede a Emirati Arabi prove di vita della Principessa Latifa
Onu chiede a Emirati Arabi prove di vita della Principessa Latifa

Roma, 19 feb. (askanews) – Liz Throssell, portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, afferma che l’Onu ha chiesto agli Emirati Arabi Uniti delle “prove di vita” della principessa Latifa, figlia dell’emiro di Dubai e primo ministro lo sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum, dopo che la donna, in un video esclusivo su Bbc, ha affermato di essere tenuta in ostaggio in una villa e di temere per la propria vita.

“Abbiamo sollevato le nostre preoccupazioni alla luce dell’inquietante prova video emersa questa settimana. Abbiamo chiesto ulteriori informazioni e spiegazioni in merito all’attuale situazione della Sceicca Latifa”.

“Viste le serie preoccupazioni riguardanti Sceicca Latifa, abbiamo chiesto che la risposta del governo sia considerata prioritaria, attendiamo con impazienza di riceverla ed esaminare la risposta e, nel contempo, continueremo a monitorare e a valutare la situazione da vicino”.

“Abbiamo chiesto delle prove di vita, abbiamo chiesto ulteriori informazioni, è tutto quello che posso dirvi in questo momento, giusto per sottolineare che dobbiamo vedere come si evolve la situazione”.

“Ciò che possiamo dire, tuttavia, è ciò che è notoriamente pubblico fino a due mesi fa, e cioé che nel dicembre 2020 il Gruppo di lavoro contro le sparizioni forzate e involontarie ha segnalato, e qui cito, ha deciso di chiarire il caso della Sceicca Latifa Mohammed Al-Maktoum, che risulterebbe detenuta segretamente nella casa di famiglia a Dubai”.