Onu: Mladenov nuovo inviato per la Libia, Wennesland per Medio Oriente

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 dic. (askanews) - Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha dato il via libera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per nominare il bulgaro Nickolay Mladenov e il norvegese Tor Wennesland come nuovi inviati Onu rispettivamente per la Libia e il Medio Oriente.

La nomina di Mladenov, ricorda l'Afp, arriva a dieci mesi dalle dimissioni del libanese Ghassan Salamé, ufficialmente per motivi di salute. Salamé, di fatto, non nascondeva più la sua stanchezza di fronte alle violazioni delle risoluzioni Onu sulla Libia da parte di diversi membri delle stesse Nazioni Unite, compresi alcuni appartenenti al Consiglio di Sicurezza.

La nomina arriva anche dopo la duplice bocciatura delle candidature africane da parte degli Stati Uniti. Prima dell'estate, infatti, gli Usa avevano bloccato le candidature dell'ex ministro degli Esteri algerino Ramtane Lamamra e dell'ex ministro ghanese Hanna Serwaa Tetteh. Washington ha inoltre imposto ai suoi partner una nuova struttura della gerarchia Onu in Libia, con un inviato coadiuvato da un coordinatore della piccola missione schierata a Tripoli (circa 230 persone).

Quest'ultimo incarico spetterà a un africano come premio di consolazione, secondo fonti diplomatiche, mentre l'Africa, che insiste sul fatto che servono "soluzioni africane ai problemi africani", ha chiesto invano per mesi l'attribuzione dell'incarico di inviato a un cittadino del suo continente.

Mladenov, 48 anni, è stato inviato per il Medio Oriente dal 2015. Durante la sua missione, ha dovuto affrontare tensioni tra Gaza e Israele, l'aumento della colonizzazione israeliana, le divisioni interne tra i palestinesi e il deterioramento della situazione umanitaria a Gaza, ulteriormente aggravatasi con la pandemia di Covid-19. Ha condotto numerose discussioni con l'Egitto per evitare un'escalation tra Gaza e Israele.

Il suo posto sarà ora preso da Tor Wennesland, un diplomatico norvegese di 68 anni. Wennesland è uno specialista di Medio Oriente. Ha ricoperto incarichi a Tel Aviv, è stato responsabile dell'ufficio di rappresentanza norvegese a Ramallah, e al Cairo responsabile per Egitto e Libia. In precedenza, è stato consigliere dell'ex primo ministro britannico Tony Blair e inviato del Quartetto per il Medio Oriente tra il 2007 e il 2008, ed è stato anche consigliere di uno degli architetti degli accordi di Oslo, Terje Roed-Larsen, nel 1996. Fino ad oggi ha occupato l'incarico di inviato speciale del governo norvegese per il Medio Oriente.