Onu, Wwf "La bozza d'accordo sulla biodiversità non è adeguata"

·3 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - In risposta alla pubblicazione odierna della prima bozza dell'accordo globale sulla biodiversita' post-2020, il Wwf esprime preoccupazione per la mancanza di un'adeguata risposta globale alla crisi della natura. In questo modo si mette a rischio la nostra capacita' di affrontare la crisi climatica, nonche' le risorse da cui tutti dipendiamo, sia per le nostre economie, sia per la nostra stessa sopravvivenza.

La bozza di accordo, pubblicata dalla Convenzione per la Biodiversita' (CBD) e basata su discussioni tra governi, propone obiettivi e target globali per la natura. Secondo la valutazione del WWF, "l'attuale bozza manca sia dell'ambizione che dell'urgenza necessarie per invertire la perdita di biodiversita' e garantire un mondo nature-positive in questo decennio.

La scarsa ambizione della prima bozza e' in netto contrasto con il numero crescente di leader mondiali che stanno pubblicamente intensificando i propri sforzi, prendendo impegni sfidanti per la natura. Ad oggi, 89 leader mondiali hanno approvato il Leaders' Pledge for Nature, impegnandosi ad invertire la perdita di biodiversita' entro il 2030, anche attraverso la creazione di un quadro trasformativo della biodiversita' globale post-2020. A giugno, i leader del G7 hanno firmato il G7 Nature Compact impegnandosi a fermare e invertire la perdita di biodiversita' in questo decennio intraprendendo azioni coraggiose per raggiungere risultati ambiziosi per la natura gia' nel 2021".

Marco Lambertini, Direttore Generale del WWF Internazionale, ha dichiarato: "Sebbene il WWF accolga con favore la pubblicazione della prima bozza del quadro globale sulla biodiversita' post-2020 come un passo importante verso la garanzia di un accordo cruciale sulla biodiversita' globale, siamo delusi dal fatto che il testo, nel complesso, non rifletta l'ambizione necessaria per invertire la rotta sulla crisi della natura. E' necessario che il testo includa un obiettivo globale chiaro e misurabile per la natura, simile a quello gia' presente per il clima. E' un passo fondamentale per definire obiettivi scientifici adeguati e consentire a governi, imprese, investitori e consumatori di contribuire ad un obiettivo condiviso. Ottantanove leader mondiali hanno, ad oggi, approvato il Leaders' Pledge for Nature, impegnandosi ad invertire la perdita di biodiversita' entro il 2030. Tuttavia, l'ambizione e l'urgenza della bozza di accordo sono significativamente inferiori a quanto necessario per garantire un mondo nature-positive in questo decennio. Con le attivita' umane che continuano a guidare la perdita irreversibile della biodiversita', spingendo le specie verso l'estinzione e gli ecosistemi verso il collasso, esortiamo i leader ad intensificare e mantenere i propri impegni, istruendo i propri negoziatori a garantire un risultato davvero incisivo".

Le attivita' umane stanno attualmente causando una perdita di biodiversita' senza precedenti, con un milione di specie minacciate di estinzione. Lo scorso anno e' stato riscontrato che il mondo non ha raggiunto nessuno dei target per la biodiversita' Aichi del decennio precedente. Il WWF sottolinea che "la crisi della natura richiede una risposta globale completa, urgente e ambiziosa che includa sia maggiori azioni per la conservazione della natura, sia la trasformazione dei fattori che determinano la perdita di biodiversita', compresi la nostra agricoltura, il sistema alimentare e le infrastrutture, che necessitano di alternative sostenibili".

(ITALPRESS).

sat/fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli