OPEC+ annulla meeting su politica produzione dopo scontro Emirati-Arabia Saudita

·1 minuto per la lettura
Logo Opec raffigurato durante un meeting informale dell'organizzazione ad Algeri.

DUBAI (Reuters) - I ministri dell'Opec+ hanno annullato il meeting di oggi sulla politica di produzione, dopo che già la scorsa settimana si era giunti allo scontro sul tema, quando gli Emirati Arabi Uniti hanno rigettato una proposta di estensione delle restrizioni all'output di otto mesi.

Il ministro dell'Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, aveva invitato ieri al "compromesso e alla razionalità" per giungere a un accordo, dopo due giorni di trattative fallite la scorsa settimana.

Ma fonti interne dell'Opec+ hanno spiegato come non ci siano stati progressi verso una risoluzione della questione, e il meeting previsto per oggi è stato annullato. Non è stata concordata una data per una nuova riunione.

Il fallimento delle trattative significa che l'atteso aumento della produzione a partire da agosto non avrà luogo, secondo le fonti. Ciò spinge al rialzo il prezzo del Brent, che alle 18 ora italiana scambia a 76,80 dollari a barile, con un progresso di 0,82%.

I prezzi del petrolio hanno già fatto sorgere timori riguardo l'eventualità che l'inflazione mandi fuori rotta la ripresa globale post-pandemia.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli