Open Arms al governo spagnolo: “Siamo vittime di un sequestro”

Il fondatore di Open Arms Oscar Camps lancia dalla nava, via Twitter, un appello al capo del governo spagnolo Pedro Sanchez. “Mi scusi se la disturbo durante le sue vacanze – scrive - ma siamo cittadini spagnoli e siamo vittime di un sequestro, e non di pirati somali”. Da 17 giorni a bordo della nave Ong con centinaia di naufraghi tratti in salvo nel Mediterraneo ai quali viene impedito lo sbarco, Camps nel video spiega che “la tensione che si vive a bordo è insostenibile. Sono già 17 giorni che sopportiamo tutta questa tensione. Nemmeno dei detenuti – afferma - possono essere trattati in questo modo e qui ci tiene sequestrati contro la nostra volontà un governo europeo a cui un tribunale ha imposto che la nave venga evacuata e che venga fornita assistenza sanitaria. Io mi vergognerei - dice ancora nel video rivolto a Sanchez - se fossi un politico o un capo del governo. Tutto quello che stiamo vivendo noi spagnoli a bordo della Open Arms è ingiustificabile”.