Open Arms: difesa Salvini deposita nuove carte, 'agì correttamente e seguì linea Governo' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Inoltre, tra i documenti depositati in cancelleria dalla difesa di Matteo Salvini ce ne sono alcuni che, secondo la difesa, "dimostrano che in realtà in Open Arms chi stava gestendo tutto era la Presidenza del Consiglio" con una lettera dell'ex premier Giuseppe Conte. E altre carte sul ruolo che avrebbe svolto l'ex ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. Sia Conte che Toninelli sono stati ascoltati nel corso dell'udienza preliminare di Catania. "Sono documenti – dice la difesa – che servono a dimostrare che si trattava non di un atto estemporaneo di Salvini ma di una procedura che iniziò con il Governo Conte 1 e che "già il 15 agosto 2019 Conte disse che si stava occupando della redistribuzione".

Nel corso delle dichiarazioni spontanee di Salvini l'ex ministro farà anche dei cenni "sul tema dell'immigrazione e riflessioni su altri documenti". Sono pesanti le contestazioni da cui deve difendersi Salvini, per avere trattenuto a bordo, per sei giorni, 147 migranti salvati dall'Ong spagnola Open Arms, nell'agosto 2019. Il reato è di sequestro di persona, "aggravato dall'essere stato commesso da un pubblico ufficiale con abuso dei poteri inerenti le sue funzioni nonché per essere stato commesso anche in danno di minori", e rifiuto di atti d'ufficio. La Procura, a differenza dei colleghi di Catania che chiedono il non luogo a procedere, chiede un processo per l'ex ministro dell'Interno. Nell'atto d'accusa dei pm, ci sono anche due lettere dell'ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte.