Open Arms, Gasparri: caso complesso, c'è carteggio Conte-Salvini

Lsa

Roma, 6 feb. (askanews) - La Giunta per le immunità del Senato ha avviato l'esame del caso della nave della Ong, Open Arms, dopo la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che nell'agosto scorso aveva ritardato lo sbarco di migranti e dei minori che erano a bordo.

"Oggi è stato incardinato l'esame del dossier - ha riferito Gasparri al termine della seduta -, ho svolto l'illustrazione del fatto così come l'accusa lo ha valutato per la richiesta di autorizzazione a procedere. I magistrati ritengono che siano state violate norme, anche riguardo ai minori". Gasparri in Giunta ha formalizzato il calendario dei lavori già concordato: il 17 febbraio entro le ore 12 Salvini potrà inviare memorie, se lo riterrà opportuno. Se l'ex ministro devesse optare per l'intervento in Giunta, è già prevista una seduta per il pomeriggio dello stesso 17 febbraio. Gasparri, in qualità di relatore, presenterà la sua proposta entro il 18 febbraio alle ore 13 mentre il voto conclusivo della Giunta è stato fissato per il 27 febbraio.

Gasparri ha spiegato che "questo caso è più complesso,,perchè c'e' un carteggio tra il presidente del Consiglio Conte e l'allora ministro dell'Interno, a ferragosto, in una fase politica particolarmente complessa e accesa. Bisognerà valutare ciò che è avvenuto, i livelli di responsabilità, guardare le carte. C'e' la vicenda dei minori a bordo".