Open Arms: Procura Palermo chiede processo per Salvini, ex ministro 'ho difeso confini'/Adnkronos (3)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Non solo continua a trattarsi di un atto amministrativo, ma aggiunge l'ex premier Conte che non si è mai discusso in Consiglio dei ministri dei singoli casi tanto meno dei dettagli del singoli casi. Sulla concessione dei ps il Cdm non si è mai occupato", ha detto Lo Voi. "Il problema della redistribuzione era un problema generale – dice – non era legato ai singoli casi". E spiega che "non c'era alcuna condivisione, la decisione era esclusivamente del ministro dell'Interno, il quale come dicono i testi, la prendeva e ne portava a conoscenza, come dice Luigi Di Maio, generalmente con un tweet o altre forme di pubblicazione solo successivamente gli altri componenti del governo".

"Gli obblighi di diritto internazionale che gravano sullo Stato italiano, dal punto dista normativo, fanno ritenere che sussisteva l'obbligo di salvataggio da parte del comandante della nave e della cooperazione dello Stato italiano. Un provvedimento negativo di accesso avrebbe determinato una violazione alla Convenzione di Ginevra e della convenzione sui rifugiati", ha sottolineato il pm della Procura di Palermo Geri Ferrara nel corso della discussione nell'udienza preliminare a carico di Matteo Salvini sul caso Open Arms. "Vi è la violazione della Legge Zampa che prevede in ogni caso il diritto dei minori non accompagnati di essere accolti in strutture idonee ai minori di età vietandone in modo assoluto il respingimento e l'espulsione", ha detto il magistrato che da anni si occupa di immigrazione. E' lo stesso magistrato della Dda di Palermo ad aggiungere che "la convenzione Sar prevede che qualora le parti vengono informate che una persona è in pericolo in mare le autorità responsabili adottano le misure necessarie per fornire l'assistenza". Mentre l'aggiunta Marzia Sabella ha ribadito che "La redistribuzione faceva parte delle competenze del Presidente del consiglio, ma in ogni caso l'urgenza del Pos riguardava il Ministero dell'interno".