Open Arms, Richard Gere a bordo per portare viveri ai migranti

Open Arms Richard Gere a Lampedusa

Un’icona del cinema, ma anche un simbolo di solidarietà. L’attore americano Richard Gere è sceso in campo a sostegno dei migranti che da otto giorni sono a bordo della Open Arms, in attesa di un porto sicuro in cui sbarcare. La star di Hollywood è giunta a Lampedusa ed è salito sulla nave per consegnare personalmente i viveri ai naufraghi.

Open Arms, Richard Gere a bordo

A difendere la notizia dell’arrivo sull’isola dell’attore è stata la stessa Open Arms, con una nota in cui si legge: “Richard Gere ci ha raggiunti a Lampedusa per dare il suo sostegno al nostro equipaggio e a tutte le persone a bordo”. È giunto sull’isola siciliana a bordo del suo yacht, sui cui è stato esposto uno striscione che recita “You are not alone” (“Non siete soli”).

Presente anche Chef Rubio

Nella mattinata di sabato, Richard Gere parteciperà a una conferenza stampa a Lampedusa in difesa dei diritti dei migranti. Insieme a lui, saranno presenti anche Oscar Camps, fondatore di Open Arms, il comandante Riccardo Gatti e Chef Rubio, a sua volta schieratosi a favore dei naufraghi.

Open Arms, la situazione

Da ormai più di una settimana, la Open Arms si trova in acque internazionali a poca distanza di Lampedusa. A bordo ci sono 121 migranti salvati dalla Ong spagnola in acque libiche. Sia l’Italia che Malta hanno rifiutato di aprire i porti e accogliere i naufraghi. Oscar Camps ha lanciato un appello all’Unione europea tramite Twitter: “Ottavo giorno in mare. Il sentimento che prevale è la vergogna. Vergogna per un’Europa che lascia 121 persone in mezzo al mare per otto giorni, mentre un gruppo di volontari coraggiosi fa di tutto per rendere la vita a bordo tollerabile. La vera Europa sono loro, siamo noi”.