Open Arms, Ronzulli (Fi): voto doveva essere nel merito, no politico

Pol/Arc

Roma, 30 lug. (askanews) - "I rapporti politici non avrebbero dovuto influire sul voto di oggi in Senato, così come quelli personali. Sono amica di Matteo Salvini da molti anni e i nostri rispettivi partiti fanno entrambi parte della coalizione di centrodestra. Il voto sulla Open Arms va però ben oltre tutto questo. Ho votato convintamente contro la richiesta dell'autorità giudiziaria per il merito della questione, né per ragioni politiche e tantomeno per l'amicizia che ci lega da tempo. I processi devono essere fondati. Il punto oggi è proprio questo: la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell'ex ministro dell'Interno non ha alcun fondamento". Lo scrive Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, sui suoi profili social.

"Matteo Salvini - aggiunge - ha agito per difendere un interesse pubblico e lo ha fatto in base a un programma di governo, condividendo quindi una determinata strategia relativa agli sbarchi con i ministri interessati e, soprattutto, con il presidente del Consiglio. Tutto questo è estremamente chiaro, anche a chi ha scelto, per l'ennesima volta e in modo del tutto strumentale, di utilizzare la magistratura come mezzo di lotta politica: Pd, Movimento 5 Stelle e Leu. Peggio di questo c'è solo il comportamento di chi, pur riconoscendo la strumentalità e l'infondatezza della richiesta di autorizzazione a procedere, ha deciso comunque di votare a favore del processo".

"Ancora una volta Matteo Renzi ha infatti scelto le poltrone: nell'Aula del Senato ha chiaramente parlato di una responsabilità oggettiva dell'intero esecutivo, ma gli va bene mandare a processo il solo Salvini, così da rimanere tranquillamente al governo con Conte. Forse Renzi pensa di ottenere qualche consenso in più in questo modo, ma in realtà ha dimostrato di non avere visione e strategia politica. Semmai per il voto di oggi ci sarà un processo, quel giorno gli italiani saranno ancora più convintamente dalla parte di chi da ministro ha tentato di fare l'interesse dell'Italia", conclude Ronzulli.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.