Open di Renzi riceveva soldi dall'industria del tabacco. "Pressioni sulla Lorenzin"

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - APRIL 07:  Italian Prime Minister Matteo Renzi attends a press conference on the levels of national broadband on April 07, 2017 in Rome, Italy. Renzi has committed to the the introduction of high speed broadband nationwide as Telecom Italia and power utility Entel continue in talks regarding the introduction of high speed broadband on a nationwide basis, an undertaking that remains at the center of his reformist agenda. (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis)
ROME, ITALY - APRIL 07: Italian Prime Minister Matteo Renzi attends a press conference on the levels of national broadband on April 07, 2017 in Rome, Italy. Renzi has committed to the the introduction of high speed broadband nationwide as Telecom Italia and power utility Entel continue in talks regarding the introduction of high speed broadband on a nationwide basis, an undertaking that remains at the center of his reformist agenda. (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis)

La multinazionale del tabacco British American Tobacco (Bat) Italia stringeva accordi per neutralizzare emendamenti sgraditi e per avvicinare membri del Parlamento e del Governo. È quanto emerge dalle informative depositate con la chiusura dell’inchiesta sulla Fondazione Open e viene riportato da laRepubblica. Finanziamento illecito ai partiti, traffico di influenze illecite e corruzione. Queste le accuse con cui la procura di Firenze ha chiuso le indagini. Indagati a vario titolo 11 persone, tra cui Matteo Renzi, Maria Elena Boschi, Luca Lotti, Marco Carrai e l’avvocato Alberto Bianchi.

Il rapporto tra gli esponenti di Bat Italia e pezzi del Giglio magico è uno dei filoni principali dell’inchiesta e ha portato all’accusa di corruzione per Lotti, Bianchi e per due manager di Bat, il vice presidente Gianluca Ansalone e il responsabile relazioni esterne, Giovanni Carucci.

Secondo quanto riporta Repubblica la lobby sarebbe arrivata ad esercitare pressioni sull’allora ministra della salute Beatrice Lorenzin. La deputata Pd però non è indagata e, sentita dai pm, ha negato di aver dato seguito alle richieste della lobby. “Non ho sollecitato alcun intervento” ha dichiarato. Il riferimento è a una mail ricevuta da Lorenzin il 12 maggio del 2015 ed inviata da Bianchi, presidente di Open. L’oggetto della mail era: “procedura comunitaria su pacchetto generico”. Il contenuto, secondo la ricostruzione, era un promemoria sul contenzioso pendente alla Corte di giustizia sulla possibilità per gli Stati membri di rendere ancora più rigide le misure imposte da una direttiva Ue.

Continua a leggere l’articolo su laRepubblica.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli