Open, Renzi: pm vogliono dire cosa è politica e cosa no -2-

Pat

Bologna, 30 nov. (askanews) - "La magistratura fiorentina - ha proseguito Renzi - parte dall'assunto che la Leopolda è una iniziativa nascosta di partito. Ma se un magistrato pretende di sapere che cosa è un partito e cosa non lo è - e la tesi è che io avevo fondato un partito a mia insaputa - e ignora che la caratteristica di un partito è quella di candidarsi alle elezioni, di avere dei gruppi parlamentari e lavorare sul territorio, se è questo c'è un'invasione di campo da parte della magistratura nei confronti della politica".

"Se hai preso una tangente o hai un finanziamento non corretto è un film - ha aggiunto l'ex premier -, ma se tu come fondazione hai tutti i bonifici regolari non c'è bisogno di fare perquisizioni, basta andare in banca. Ma questi finanziamenti totalmente regolari improvvisamente vengono considerati irregolari perché dicono che Renzi ha fondato un partito senza dirlo. Siamo in presenza di un fatto politico enorme, perché la magistratura decide cos'è politica e cosa no".