Oper false autenticate, prosciolto Sgarbi

·1 minuto per la lettura

Non luogo a procedere per Vittorio Sgarbi, accusato dalla Procura di Roma di aver autenticato false opere d’arte attribuite all’artista anconetano Gino De Dominicis, scomparso nel 1998. Lo ha deciso il gup di Roma Angela Gerardi che ha fatto cadere le accuse, con la formula "perché il fatto non costituisce reato", per il critico d'arte e per Duccio Trombadori. Rinviate a giudizio invece altre 19 persone per le quali il processo inizierà il 21 dicembre.

Sgarbi era finito nel registro degli indagati, in quanto all’epoca dei fatti presidente della Fondazione Archivio Gino De Dominicis. Nel corso delle indagini, nel 2018, i carabinieri Tutela Patrimonio Culturale sequestrarono oltre 250 opere ritenute contraffatte (per un controvalore di oltre 30 milioni di euro).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli