Operaio colpito dall’elica di un silos: morto sul colpo

Operaio colpito da elica di un silos

Ennesima tragedia consumatasi sul posto di lavoro, questa volta a Reggio Emilia. Un operaio è stato colpito dall’elica di un silos mentre stava lavorando alla cantina sociale di Massenzatico: inutile ogni tentativo di salvarlo.

Operaio colpito dall’elica di un silos

L’episodio si è verificato nel tardo pomeriggio di giovedì 16 gennaio 2020 presso l’impianto produttivo situato in via Beethoven specializzato nella produzione del vermentino. Sandro Santini, questo il nome della vittima, era impegnato a pulire una cisterna utilizzata per la fermentazione del lambrusco, in quel momento vuota e ferma. Ancora non è chiara l’esatta dinamica di ciò che è accaduto ma, secondo le prime ricostruzioni, sembrerebbe che mentre si trovava sul fondo una ventola l’avrebbe risucchiato all’interno.

Qui una pala l’avrebbe colpito ed è probabilmente l’impatto violento ad essere stato fatale per lui. Essendosi accorto delle sue gravi condizioni, il nipote, collega di lavoro, ha immediatamente allertato i soccorsi. Giunti sul posto, non hanno però potuto fare nulla perché le lesioni riportate erano troppo gravi da aver causato il decesso di Sandro.

Presenti sul luogo dell’incidente mortale anche i Carabinieri, i Vigili del fuoco e i medici del lavoro che ora dovranno ricostruire la dinamica dell’infortunio e stabilire eventuali responsabilità. La vicenda sarà anche oggetto di un’inchiesta di cui si occuperà il sostituto procuratore Iacopo Berardi.

Residente nella frazione di Massenzatico, il 52enne lascia la moglie e tre figli.