Operaio di Mondragone precipita dal quarto piano e muore: tragedia a Malta

·2 minuto per la lettura
Raffaele Conte morto Malta
Raffaele Conte morto Malta

Tragedia a Malta, dove si è verificato un incidente sul lavoro in cui è morto Raffaele Conte, operaio di 40 anni originario di Mondragone (provincia di Caserta). Inutile ogni tentativo di soccorso da parte dei sanitari: per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Raffaele Conte morto a Malta

Raffaele si era recato qualche settimana prima sull’isola per lavorare alla costruzione di una fabbrica insieme ad alcuni colleghi della sua ditta. Secondo le prime ricostruzioni, mentre si trovava sul tetto intorno alle 11:30 di martedì 8 giugno 2021, è precipitato dal quarto piano facendo un volo di diversi metri.

Ancora ignote le cause per cui abbia perso l’equilibrio e sia finito nel vuoto davanti agli occhi impietriti dei colleghi. Sono stati costoro a lanciare l’allarme ai sanitari che, giunti sul posto, non hanno però potuto fare nulla per savare Raffaele. Le ferite riportate nello schianto al suolo, soprattutto quelle alla testa, si sono infatti rivelate troppo gravi tali da rendere vano ogni tentativo di rianimazione. I soccorritori si sono dunque limitati a constatare il decesso dell’operaio.

Raffaele Conte morto a Malta: indagini in corso

Presenti sul luogo dell’incidente anche le forze dell’ordine che hanno effettuato i rilievi utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto. La Procura locale ha anche aperto un fascicolo affidato alla magistrata Monica Vella per capire le condizioni di lavoro del cantiere.

Gli inquirenti dovranno infatti verificare che siano state seguite tutte le norme di sicurezza. Il cantiere è attualmente sotto sequestro e la famiglia di Raffaele è in coostante contatto con l’ambasciata italiana per stabilire le procedure del rientro della salma per poter permettere lo svolgimento dei funerali. Secondo quanto appreso il ritorno è previsto entro la fine della prossima settimana.

Raffaele Conte morto a Malta: chi era

Secondo quanto emerso Raffaele Conte aveva un contratto da lavoratore stagionale nonostante da tempo lavorasse per la stessa azienda, italiana, che si occupa di opere edilizie all’estero. Da qualche settimana lavorava alla costruzione di un edificio e condivideva l’alloggio messo a disposizione dalla ditta per cui lavorava. A fine luglio avrebbe dovuto tornare in patria per passare qualche settimaan con la moglie e i tre figli.