Operaio edile compie il delitto e poi lo confessa al datore di lavoro che chiama i carabinieri

·1 minuto per la lettura
I Carabinieri hanno arrestato il 49enne reo confesso
I Carabinieri hanno arrestato il 49enne reo confesso

Ennesimo femminicidio in Italia, stavolta in Calabria, dove un 49enne uccide la moglie soffocandola al letto e poi lo confessa al datore di lavoro che chiama i carabinieri e lo fa arrestare. Il crimine è avvenuto a Motta Santa Lucia, un paesello in provincia di Catanzaro.

Operaio edile uccide la moglie soffocandola al letto dopo l’ennesima lite per questioni economiche

A compierlo nella tarda serata di sabato 15 gennaio, pare dopo una furiosa lite familiare innescata da problemi economici, un operaio edile di origini marocchine che ora si trova in stato di fermo per omicidio volontario aggravato.

Uccide la moglie soffocandola al letto, poi chiama il suo principale e confessa l’orribile crimine

Dalla ricostruzione degli inquirenti è emerso che l’omicida, dopo aver soffocato la consorte nel suo stesso letto, ha chiamato il suo datore di lavoro confessando il suo delitto. E proprio il datore di lavoro ha provveduto ad allertare i Carabinieri che, assieme ad una unità del 118, sono accorsi presso l’abitazione della coppia.

Fermato dai carabinieri il 49enne che uccide la moglie soffocandola al letto: rilievi e interrogatorio in attesa della convalida

Purtroppo la vittima era già morta, mentre l’offender è stato fermato e condotto in caserma per un primo interrogatorio e per predisporre la convalida dell’arresto da parte del Gip competente. Sul posto, spiegano i media lametini, anche i militari della Sezione rilievi del Reparto Operativo dei carabinieri di Catanzaro ed il medico legale convocato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia Terme.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli