Operaio folgorato nel Veronese: i carabinieri indagano.

·2 minuto per la lettura
Traliccio dell'alta tensione
Traliccio dell'alta tensione

Verona – Una tragedia si è consumata nel primo pomeriggio in Veneto, a Palù in provincia di Verona. Un operaio ha perso fatalmente la vita mentre lavorava su un traliccio dell’alta tensione di un elettrodotto.

Tragedia nel Veronese: un operaio è stato folgorato da un fulmine mentre lavorava su un elettrodotto. La dinamica dell’incidente

L’incidente è avvenuto alle 14:30 di oggi, 26 settembre 2021. L’operaio, nonostante il maltempo preannunciato, ha deciso di lavorare comunque sul traliccio dell’alta tensione collegato ai cavi elettrici di un elettrodotto. L’ipotesi è che a causa dei fulmini l’uomo sia stato folgorato. Nonostante l’arrivo quasi immediato dei soccorsi in ambulanza ed anche in l’elicottero, quest’ultimo utilizzato dal 118 per prestare elisoccorso immediato, non c’è stato nulla da fare per l’operaio che era già morto sul colpo.

Tragedia nel Veronese: un operaio è stato folgorato da un fulmine mentre lavorava su un elettrodotto. Indagano i carabinieri

Sul posto sono accorsi anche i Carabinieri di Zevio (VR) e degli operatori del Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro (Spisal) dell’Ulss 9. Al momento sono in corso delle indagini per ricostruire al meglio la dinamica dell’accaduto. Per i carabinieri la causa della morte dell’uomo sembrerebbe essere folgorazione causata da un fulmine. Non si ha la certezza di tale supposizione, in quanto, i medici che stanno ancora effettuando le indagini sul cadavere dell’operaio e non hanno ancora reso nota la causa del decesso.

Tragedia nel Veronese: un operaio è stato folgorato da un fulmine mentre lavorava su un elettrodotto. L’identità della vittima ed i dubbi relativi alla sua azione

L’identità della vittima non è ancora stata resa nota, nè il nome nè l’età. L’unico dettaglio di cui si è a conoscenza è che l’uomo era un dipendente della società elettrica Enel e si trovava nel luogo in cui ha perso la vita probabilmente per riparare un guasto. Ciò che viene da chiedersi è però il perchè, quell’uomo, nonostante il maltempo e cosciente del pericolo, abbia comunque deciso di salire su quel traliccio dell’alta tensione che gli è stato fatale. Resta a questo punto anche da capire su chi cadrà poi la responsabilità per la morte dell’uomo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli