Operazione Irini: dall'Italia la nave ammiraglia San Giorgio -2-

Dmo/Red
·1 minuto per la lettura

Roma, 17 lug. (askanews) - Un aereo da pattugliamento marittimo P72, un aereo Air Early Warning (AEW) e un Sottomarino in supporto associato saranno inoltre disponibili occasionalmente. In totale sono una ventina i Paesi dell'Unione Europea che hanno aderito, con uomini e/o mezzi, alla missione Irini, che pu contare anche sul supporto delle immagini satellitari fornite dal Centro Satellitare dell'Unione Europea (EU SatCen). "Con l'ingresso della nave ammiraglia, la missione potr a breve arrivare alla piena operativit (denominata tecnicamente Full Operation Capability) - dice il Comandante dell'Operazione, Ammiraglio Fabio Agostini - Irini nata in piena pandemia Covid-19, circostanza che non ha facilitato il dispiegamento delle forze. Nonostante ci la missione, partita effettivamente solo da due mesi, ha gi prodotto i primi risultati in termini di raccolta di informazioni ed effetto deterrente sia riguardo all'embargo delle armi che al monitoraggio dei traffici illeciti di petrolio e derivati. Le evidenze raccolte sono sempre state trasmesse al Panel di Esperti per la Libia delle Nazioni Unite con cui l'Operazione ha intrapreso una stretta e proficua collaborazione".