Orban: "Legge Ungheria non riguarda gay, difende bambini"

·1 minuto per la lettura

Le leggi varate in Ungheria "non riguardano l'omosessualità", bensì "la difesa dei diritti dei bambini e dei genitori". Il premier ungherese Viktor Orban, prima del Consiglio europeo, risponde così alle domande sulle leggi relative alla diffusione di contenuti che potrebbero influenzare i minori 'promuovendo' l'omosessualità o il cambio di sesso tra i minorenni. Sotto il comunismo in Ungheria l'omosessualità era punita per legge, e "io sono un combattente per la libertà, ho difeso i diritti degli omosessuali", dice Orban.

"E' sempre meglio prima leggere e poi parlare - continua- le leggi riguardano il modo in cui i genitori vogliono educare i figli". La legge ungherese sui contenuti destinati ai minorenni "non è nell'agenda" del Consiglio Europeo, osserva, ma "sono a disposizione di chiunque" voglia chiarimenti. In ogni caso, precisa, "la legge è fatta e funziona".

Da Roma, arriva il commento di Matteo Salvini: "Io la legge me la sono letta e credo che ogni stato possa decidere su cosa insegnare a scuola, non capisco intromissioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli