Ordigni esplosivi contro autobus dell'Esercito: 13 vittime nella capitale siriana

·1 minuto per la lettura
Attentato autobus Siria
Attentato autobus Siria

Tragedia a Damasco, Siria, dove nella mattinata di mercoledì 20 ottobre 2021 ha avuto luogo un attentato realizzato con due ordigni esplosivi contro un autobus. Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un mezzo dell‘Esercito, colpito mentre attraversava il ponte Raiss della capitale siriana. Il bilancio provvisorio parla di almeno 13 morti e 3 feriti.

Attentato a bus militare in Siria

L’agenzia di stampa statale SANA ha definito l’attacco come uno dei più sanguinosi degli ultimi anni nel paese e il più mortale nel centro di Damasco da marzo 2017, quando almeno 31 persone vennero uccise in un attacco suicida rivendicato dal gruppo jihadista Stato Islamico. Per il momento nessun gruppo ha ancora rivendicato l’attentato, ma i sospetti ricadranno su quest’ultimo gruppo che nel 2021 ha già attaccato diversi veicoli militari nella Siria orientale.

Attentato a bus militare in Siria: trovato un altro ordigno

Le immagini diffuse da SANA mostrano un autobus in fiamme e una squadra di artificieri impegnata a disinnescare un terzo ordigno esplosivo che era stato piazzato nella zona. Sebbene la Siria sia coinvolta in una guerra civile da anni, da quando l’esercito e le milizie alleate avevano riconquistato l’ultima roccaforte ribelle vicino alla capitale a Damasco erano sempre meno frequenti attentati di questo tipo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli