**Ordine di Malta: Papa promulga la nuova Carta Costituzionale **

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Città del Vaticano, 3 set. (Adnkronos) – Il Papa promulga la nuova Carta Costituzionale ed il relativo Codice Melitense dell’Ordine di Malta, disponendone l’immediata entrata in vigore e, con un decreto reso noto oggi, dispone "la revoca delle alte cariche; lo scioglimento dell’attuale Sovrano Consiglio; e la costituzione di un Sovrano Consiglio provvisorio, la convocazione del Capitolo Generale Straordinario per il 25 gennaio 2023, festa della Conversione di San Paolo, il quale si svolgerà in ottemperanza al nuovo Regolamento da me approvato".

Bergoglio nel decreto spiega che " Il Capitolo Generale Straordinario sarà preparato dal mio Delegato Speciale e dal Luogotenente di Gran Maestro, coadiuvati dal Sovrano Consiglio provvisorio. Confermo tutte le facoltà attribuite in passato al mio Delegato Speciale fino alla conclusione del Capitolo Generale Straordinario, che sarà co-presieduto da Lui e dal Luogotenente di Gran Maestro".

In particolare, il Sovrano consiglio provvisorio sarà formato da Fra’ Emmanuel Rousseau – Gran Commendatore; Riccardo Paternò di Montecupo – Gran Cancelliere; Fra’ Alessandro de Franciscis – Grand’Ospedaliere; Fabrizio Colonna – Ricevitore del Comun Tesoro; e da: Fra’ Roberto Viazzo; Fra’ Richard Wolf; Fra’ John Eidinow; Fra’ João Augusto Esquivel Freire de Andrade; Fra’ Mathieu Dupont; Antonio Zanardi Landi; Michael Grace; Francis Joseph McCarthy; Mariano Hugo Windisch-Graetz. Il Pontefice ricorda che "con paterna sollecitudine e premura ho seguito in questi anni il cammino dell’Ordine, apprezzando le opere realizzate in varie parti del mondo, anche grazie al generoso contributo di Membri e Volontari, e constatando altresì la necessità di avviare un profondo rinnovamento spirituale, morale e istituzionale di tutto l’Ordine, specialmente e non solo dei Membri del Primo Ceto, ma anche di quelli del Secondo Ceto. A tal fine ho affidato al mio Delegato Speciale, Cardinale Silvano Maria Tomasi, quest’importante opera di riforma, come pure la revisione della Carta Costituzionale e del Codice Melitense e la preparazione del Capitolo Generale Straordinario. Molti sono stati i passi compiuti, ma altrettanti gli impedimenti e difficoltà incontrati lungo il cammino".