Ordine e caos: i nuovi lavori di Katharina Grosse da Gagosian

Lme
·1 minuto per la lettura

Milano, 4 nov. (askanews) - Katharina Grosse è una delle grandi protagoniste del contemporaneo, forte di una pratica riconosciuta e riconoscibile. Ma tra le qualità degli artisti c'è anche quella di sapersi rinnovare e, talvolta, cambiare strada. Così nella mostra "Separatrix", ospitata da Gagosian a Roma, sono esposte due serie di lavori nuovi: acquerelli che riprendono i celebri "spray painting" e poi grandi dipinti che hanno trasferito, in acrilico e sulla tela, gli effetti degli stessi acquerelli. "Siamo di fronte a un utilizzo dell'acrilico che quasi si dissolve - ha spiegato ad askanews Pepi Marchetti Franchi, direttrice di Gagosian Roma - con delle trasparenze straordinarie. Per noi è una grandissima emozione, perché seguire un grande artista nel suo percorso e accompagnarlo, e constatare il suo coraggio nell'affrontare tematiche nuove, sfide diverse e tra l'altro anche raggiungere risultati eccezionali come questi, è veramente un grande privilegio". Le opere di Grosse hanno una forza che va al di là dell'iconicità classica del suo lavoro, danno una dimostrazione visuale possibile all'idea di "separatrix" formulata dal filosofo Leibniz, che la considerava una linea tra ordine e anarchia, due aspetti che convivono e si integrano a vicenda proprio su quella linea. Una sensazione che traspare anche dalle opere dell'artista tedesca, con l'evidenza di una grandezza difficile da negare. Interessante poi, anche per una galleria come Gagosian, seguire un'artista nel passaggio verso nuove tipologie di opere. "Senz'altro - ha aggiunto Pepi Marchetti Franchi - è un momento epocale che lascerà un segno nella sua storia". Una storia che è anche, almeno in parte, quella della pittura contemporanea.