Orfini dice 'no' ad alleanza Pd-M5S: "Decidano elettori e iscritti"

webinfo@adnkronos.com

"Ieri sera in tv Zingaretti ha proposto di trasformare l'accordo di governo col M5S in un'alleanza vera intorno alla quale ricostruire il nuovo centro sinistra. È una proposta legittima e forte, che ha una sua dignità e non va banalizzata. Ma una scelta del genere non è nel mandato col quale Nicola ha vinto il congresso e per farla serve si esprimano iscritti ed elettori del Pd". Lo scrive Matteo Orfini su Facebook, all'indomani della proposta avanzata dal segretario Pd per un'alleanza 'anti-sovranista' con il Movimento Cinquestelle. 

"Se davvero questa è la prospettiva che il gruppo dirigente ha in mente - aggiunge Orfini -, si convochi un nuovo congresso (magari dopo le regionali che dobbiamo impegnarci a vincere), si aprano i gazebo delle primarie e sia il nostro popolo a decidere". "Nel mio piccolo - scrive ancora - in quel congresso sosterrò la tesi opposta: con questo M5S che sguazza come sempre nella retorica antipolitica, che difende i decreti sicurezza di Salvini, che considera il garantismo una bestemmia, che vuole smantellare la democrazia rappresentativa, che dice no a unioni civili e ius culturae, con questo M5S non voglio costruire alleanze. Superata l'emergenza voglio provare a batterlo. E anche durante questa fase mi piacerebbe che il Pd non scomparisse: se confermiamo quota 100 e reddito di cittadinanza, se non abroghiamo i decreti sicurezza, se tagliamo i parlamentari, se accantoniamo le nostre battaglie, dov'è l'agenda del Pd nell'azione di governo? Anzi, dov'è il Pd?", conclude.