Orfini: a Pd serve discontinuità, no alleanza con M5s

Pol/Arc

Roma, 28 gen. (askanews) - "Il risultato in Emilia non dimostra che dobbiamo allearci col M5s. Il M5s scompare perché riconquistiamo tantissimi suoi voti. E noi invece di continuare sulla strada che ci ha fatto vincere riproponiamo l'alleanza? È incomprensibile da un punto di vista logico prima che politico". Lo scrive su Facebook Matteo Orfini, deputato del Pd.

"Il Pd - prosegue - sta meglio, ma non sta bene. Vincere aiuta, ma non può mutare il nostro obiettivo: cambiare tutto e farlo davvero. Con coraggio. Perché problemi e limiti restano tutti lì e vanno affrontati di petto. Parlare di subalternità, afasia e discontinuità per me continua a non essere una cretinata. In questa campagna elettorale paradossalmente la politica l'hanno messa le sardine: hanno sfidato a viso aperto Salvini sui temi più difficili travolgendo le nostre timidezze e le nostre paure. E ci hanno dimostrato che c'è un popolo pronto a combattere per quella discontinuità. Non lasciamoli soli".

"Non credo si debbano cambiare gli equilibri nel governo. Non credo si debba fare un rimpasto. Per carità, lasciamo stare il dibattito sugli assetti, ha ragione Zingaretti. Però bisogna che si chiuda definitivamente una fase e si veda più chiaramente la differenza col governo precedente. Questo significa innanzitutto cancellare le leggi vergogna di Salvini. E farlo subito", conclude Orfini.