Orietta Berti: "Un tempo tutti mi schivavano, ora non ho momenti liberi. Cantare coi Maneskin? Già fatto"

·2 minuto per la lettura
- (Photo: Stefania D'Alessandro via Getty Images)
- (Photo: Stefania D'Alessandro via Getty Images)

“C’è stato un tempo in cui mi schivavano tutti, ora non ho più un momento libero”: così Orietta Berti si racconta sulle pagine delCorriere della Sera. La cantante 78enne, con 16 milioni di dischi venduti durante una lunghissima carriera, è più che mai sulla cresta dell’onda.

Reduce dal successo della hit Mille in coppia con Achille Lauro e Fedez (“La canto sempre sotto la doccia”, confessa), dei suoi giovani colleghi racconta:

“Fedez? È sempre sul pezzo, per lui il lavoro è molto importante, è sempre molto serio, in questo senso è proprio un vero milanese” [...] Achille? Ad alcuni può sembrare altezzoso per un suo certo distacco, invece è gentile e ben educato. Sembra sempre svampito, ma è artista, e soprattutto è molto intelligente... Quando parliamo ho l’impressione di far parte della sua famiglia da sempre, di essere una sua zia alla lontana”.

“C’è stato un periodo in cui la sua popolarità musicale è stata appannata”, scrive il Corriere. Ma la tv l’ha sempre cercata, ricorda la Berti:

“Ho fatto tre volte Quelli che il calcio, cinque volte Buona Domenica, ora ancora Il tavolo con Fazio. Quando abbiamo finito il primo anno di Buona Domenica sono andato da Costanzo a ringraziarlo e lui mi ha detto: Orietta, in questo ambiente non devi ringraziare nessuno, perché se tu non mi facevi audience, se tu non mi facevi comodo, io ti avrei lasciata a casa e invece ti ho confermato anche per l’anno prossimo”.

Parlando del rapporto con Fabio Fazio dice: “Ormai ci conosciamo da tanti anni, è come un terzo figlio”. E ancora:

“La vita regala spesso grandi occasioni: vai a lavorare con una persona che non è tua coetanea, pensi di avere poche cose in comune, eppure scopri che ci vai d’accordo e la pensi allo stesso modo”.

A chi le domanda se farebbe un duetto con i Maneskin (di cui aveva pronunciato erroneamente il nome “Naziskin” durante l’ultimo Festival di Sanremo, ndr), risponde rivelando:

“Con i Måneskin ho già cantato. Quando hanno fatto il tour europeo sono andata in un locale di Zurigo con loro — un locale dove ero stata anche io 20 anni prima, una festa di italo-svizzeri — e abbiamo cantato insieme. Certo che mi piacerebbe cantare con loro, chi non vorrebbe?”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli