Origin Eu: Ig parte integrante dello sviluppo rurale

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 ott. (askanews) - Discutere e approfondire i dettagli della riforma del Sistema delle Indicazioni Geografiche, avviata nel novembre 2020 dalla Commissione Europea e attualmente in corso, per sensibilizzare le istituzioni europee competenti rispetto ad alcune criticità in modo da porre le basi per un'azione coordinata a tutela del Sistema IG.

Di questo si è occupato oggi il workshop sulla Revisione del Sistema delle Indicazioni Geografiche, organizzato da oriGIn EU su proposta di Origin Italia. All'evento hanno preso parte i Consorzi di tutela, il capo unità sulle Indicazioni Geografiche della DG AGRI Francis Fay e gli europarlamentari Paolo De Castro, Herbert Dorfmann, Anne Sanders, Irène Tolleret.

"In questi anni, la storia delle Indicazioni Geografiche si è dimostrata essere una storia di straordinario successo e questa deve essere la base per avviare un dialogo costruttivo sulla riforma europea - ha spiegato Cesare Baldrighi, presidente di Origin Italia - questo successo si deve grazie all'impegno e agli sforzi profusi non solo dai produttori e dalle organizzazioni di produttori, ma anche da parte delle istituzioni europee e nazionali".

"Da questo punto di vista - ha proseguito - un'inversione di tendenza significherebbe rischiare di compromettere i risultati raggiunti per tutta l'Unione Europea. Molte sono le preoccupazioni in relazione a questa riforma: in primis riguardo al modo in cui viene interpretata la tutela delle IG con lo spostamento di competenze a favore di EUIPO, ma anche anche la messa in discussione degli strumenti che finora hanno consentito di promuovere e far crescere le nostre IG. È infatti essenziale garantire la disponibilità economica necessaria per sostenere le attività di promozione e semplificarle anche dal punto di vista della loro implementazione".

Le IG possono dare anche un grande contributo alla sostenibilità ambientale, oltreché sociale ed economica, "ecco perché chiediamo che - ha detto Baldrighi - rispetto al tema della sostenibilità ambientale, si adotti un approccio pratico e non solo ideologico, facendo un'attenta valutazione delle capacità che le IG hanno di sviluppare un'attività produttiva sostenibile anche dal punto di vista ambientale".

A conclusione dell'evento, Paolo De Castro, coordinatore Gruppo S&D in commissione Agricoltura del Parlamento europeo, ha sottolineato la preoccupazione condivisa da tutti i partecipanti e dagli Europarlamentari sulle criticità emerse rispetto alla riforma in atto. "Esiste preoccupazione in tutto il comparto ma anche da parte degli Eurodeputati circa il possibile smantellamento della DG AGRI. Allo stesso tempo, è necessario guardare al comparto delle Indicazioni Geografiche come ad un'esperienza di grande successo delle politiche dell'Unione Europea. Pertanto, tutte le riflessioni dovrebbero andare verso il rafforzamento delle IG, della tutela e degli accordi internazionali. L'auspicio è che su questo approccio, ampiamente condiviso da tutti i gruppi politici del Parlamento Europeo, ci sia condivisione anche da parte della Commissione Europea, anche alla luce dell'adozione in sede di Consiglio, da parte di 17 Stati membri, di una dichiarazione comune con cui si chiede in maniera decisa un rafforzamento del sistema delle IG e si sottolinea che la politica europea di qualità è pienamente in linea con il Green Deal e la strategia Farm to Fork", ha concluso De Castro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli