Origine Covid, scrittore Barnard: "Silenzio Cina crimine sanitario contro l'umanità" - Video

·4 minuto per la lettura

Un ''vero e proprio crimine sanitario contro l'umanità'' quello che la Cina ha commesso tacendo, alla comunità scientifica e al mondo intero, che il Covid-19 è ''scappato'' da un laboratorio dopo ''una sperimentazione durata anni'' per creare ''un virus in grado di contagiare in modo asintomatico''. Ma soprattutto tacendo ''le caratteristiche molecolari di questo virus'', che ''i cinesi sapevano avendolo costruito in laboratorio e avendone anche risequenziato il genoma a fine dicembre 2019''. Ne è convinto Paolo Barnard, autore assieme a due ricercatori di fama mondiale del libro 'L'origine del virus' edito da Chiarelettere, che in un'intervista ad Adnkronos parla di ''virus mostri'', come il Sars Cov-2, che si basano su una ''tecnica della virologia nota come 'gain of function'''.

Se ''l'Organizzazione mondiale della Sanità e il mondo scientifico avessero saputo a inizio gennaio del 2020 quali erano le caratteristiche molecolaru'' del coronavirus, avrebbero potuto adottare ''provvedimenti molto precisi'' e ''risparmiare milioni di morti'', ''migliaia solo in Italia''. E ''la Pfizer avrebbe potuto lavorare a un vaccino più duraturo'' dice Barnard. Invece ''la Cina ha fatto con il Covid-19 quello che la Russia ha fatto con Chernobyl''.

In pratica si tratta di ''prendere un virus che si considera potenzialmente pericoloso per animali e uomini, lo si incattivisce in laboratorio appositamente con il pretesto di poterlo combattere meglio se un giorno si incattivisce in natura''. Questa è ''una follia'' che è avvenuta nel laboratorio di Wuhan, spiega l'autore, dove ''gli esperimenti sono iniziati nel 2010'' e dove ''nel 2015 è stato creato il coronavirus chimerico che è quasi certamente la spina dorsale di quello scappato da Wuhan nel 2019''. Proprio perché creato in laboratorio per infettare meglio, il Covid-19 ''contiene un meccanismo molecolare chiamato 'furin cleavage site' che ha solo questo coronavirus nella sua ampia famiglia dei betacoronavirus'' e che ''nella letteratura scientifica rende questo virus molto aggressivo''.

Ma non solo. Oltre al ''meccanismo micidiale taciuto dalla Cina se ne è aggiunto un altro'', prosegue Barnard, che cita ''gli aminoacidi finali (del Covid-19, ndr) che sanno aggredire le cellule umane anche in assenza del ricettore Ace2'' e ''anche questi non si trovano in natura''. Altra caratteristica ''terribile'' che ''permette a questo virus di essere super aggressivo'', quindi di fare il cosiddetto ''tropismo di organi'' cioè ''colpisce organi diversi nonostante sia un virus respiratorio'', quindi attacca ''cuore, capillari del cervello, reni, sistema venoso, intestino...''. Ed è proprio ''a causa di questo orrendo meccanismo che causa stragi'', spiega l'autore.

Solo il 31 dicembre del 2019 la Cina ha segnalato la nuova malattia respiratoria virale, ma come spiega Barnard ''a metà novembre 2019 a Wuhan tre ricercatori del laboratorio erano stati ricoverati con una grave malattia respiratoria. Gli scienziati cinesi negano che sia successo''. Il 13 e il 21 novembre vengono segnalati altri due casi, mentre il 25 un insegnante inglese, Connor Reed, viene evacuato da Wuhan, torna in Inghilterra e due mesi dopo viene confermato che era Sars Cov-2. ''Tutto questo contraddice la versione cinese del primo caso riportato a dicembre'', afferma.

La Cina tace perché, prosegue Barnard, altrimenti avrebbe dovuto ''confessare una sperimentazione scellerata'' di cui, tra l'altro, ''l'intelligence americana e quella israeliana erano a conoscenza''. Pechino mette anche in atto un ''tentativo disperato di coprire tutto'' e ''nel settembre del 2019 scompaiono 16 mila campioni di sangue di pipistrelli dal database pubblico che l'istituto di Wuhan condivideva con la comunità internazionale. Inoltre il 30 dicembre del 2019 vengono alterati i database dei nuovi coronavirus che venivano consultati dai virologi internazionali''. Infine ''il governo cinese ordina di distruggere tutti i campioni di Sars Cov-2 già isolati''.

Eppure esiste ''una censura mondiale sull'origine del coronavirus'', parlare di ''una origine cinese equivale a essere considerati filo Trump, razzisti, di destra''. Ma le prove della ''fuga da un laboratorio del Sars Cov-2 sono nella storia evolutiva di questo coronavirus, che non ha famiglia, nessun antenato, nessuno parente lontano o vicino, nessuna prova che sia passato dall'animale all'uomo, nessuna impronta digitale lasciata alle spalle, come invece fecero i virus Sars o Mers in passato. Sbuca dal nulla'' ed è ''adattissimo a contagiare l'uomo fin da subito, cosa insolita in natura, ma normale per un patogeno creato in laboratorio su cellule umane''. Tra l'altro ''i cinesi dicono che viene dai pipistrelli, ma il Sars Cov-2 non è in grado di infettare i pipistrelli''. Insomma, ''scoppia la terza guerra mondiale e nessuno può dire chi ha lanciato la prima bomba, chi ha lanciato questo virus nel mondo''. E', conclude Barnard, ''il politically correct anti Trump che ha messo il bavaglio all'origine di questa strage globale che si poteva evitare''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli