Orlando: Iv partito personale, forse fondate diffidenze per Renzi

Bar

Roma, 23 set. (askanews) - Nella prima direzione nazionale del Pd riunitasi dopo la scissione promossa da Matteo Renzi, il vicesegretario dem Andrea Orlando ha dedicato alcune riflessioni all'ex leader democratico oggi a capo di Italia Viva. "Ho letto - ha osservato Orlando - che uno dei motivi che avrebbero portato alla scissione starebbe nel senso di estraneità che veniva dalle parole e forse dagli sguardi dei compagni di partito".

"Non sto a ripercorrere questi anni, mi limito a dire - ha aggiunto - che abbiamo vissuto tutti momenti difficili. Ma penso che se militi e dirigi un partito di centrosinistra che ambisce a unire i riformisti e a superare le frammentazioni del secolo scorso, che mantiene un'ambizione maggioritaria e che nasce per battere il partito personale per antonomasia e poi fondi un partito personale, di centro, che determina nuova frammentazione, ti devi chiedere se quella scelta non sia una manifestazione ex post di estraneità a quel progetto politico e se le diffidenze non avessero qualche fondamento".