Orlando: parliamo oltre il Pd, evitiamo spocchia e dileggio

Red-Pol

Roma, 12 mar. (askanews) - "La sconfitta è dura e ha presupposti strutturali e sociali. Giusta la fase costituente che affronta la forma partito. Oggi abbiamo un problema inedito, con un campo del centrosinistra diviso a metà: un campo se ne è andato all'estero, un campo ha radicalizzato la sua ostilità nei confronti di quelli che stanno fuori. Contrapponendo queste due premesse non recupereremo mai l'unità del centrosinistra. Dobbiamo parlare all'esterno. Non diamo per perduti tutti, perchè altrimenti ci rassegniamo a questo risultato". Lo ha detto Andrea Orlando intervenendo alla direzione Pd. "Non tagliamo i ponti con chi ha votato da altre parti ma continua a guardare a quello che accade nel Pd", ha aggiunto Orlando. Orlando ha anche invitato il Pd a "evitare la spocchia" nei confronti degli avversari: "Dobbiamo evitare oggi il dileggio di quelli che vanno a fare le code di fronte ai Caf, chiedendo il salario di cittadinanza, perchè non si dileggia la disperazione".