Orlando: Stati generali in tre giorni non un'idea felice

Adm

Roma, 5 giu. (askanews) - Fare gli 'Stati generali' "in tre giorni non un'idea felice", secondo il vice-segretario Pd Andrea Orlando. Parlando ad una inziativa di Dems, l'ex ministro ha spiegato: "Fare gli stati generali in tre giorni mi sembra una cosa abbastanza ambiziosa e forse non felice. Seguiamo la strada dell'Europa, facciamo un libro bianco su come vogliamo costruire un piano strategico per utilizzare le risorse che arrivano dall'Europa. E si dice prima che si scrivano i testi normativi qual la direzione di marcia".

In generale, ha aggiunto, il governo deve chiudere con la fase dell'emergenza. "Cosa fare per affrontare questa fase nuova? Una dimensione strategica, alzare lo sguardo. Il 'Dl rilancio' deve essere considerato come l'ultimo capitolo di una stagione di intervento immediato, fatto con l'affanno, per passare a una selettivit e una capacit di orientare le risorse nella direzione pi funzionale alla ripresa del paese. Spostare dalla spesa corrente agli investimenti. Arriveranno un sacco di soldi, dobbiamo dire oggi cosa vogliamo fare, prima che quei soldi arrivino". Si deve fare, conclude Orlando, anche per "evitare l'assalto alla diligenza quando arriveranno quei soldi".