Ornella Muti, la sorella a processo: "Droga? È solo sapone"

·2 minuto per la lettura
Ornella Muti, la sorella a processo:
Ornella Muti, la sorella a processo: "Droga? È solo sapone" (Photo by Sefa Karacan/Anadolu Agency/Getty Images)

È finita a processo Claudia Rivelli, sorella di Ornella Muti e diva dei fotoromanzi negli Anni Settanta. L'accusa a suo carico è "detenzione di droga" dopo aver ricevuto un pacco nella sua abitazione. "Lo uso per pulire l'argenteria e mio figlio lo usa per lavare la macchina. Infatti questo pacco dovevo spedirlo a lui, che abita a Londra", si è giustificata la donna. Il giudice ha convalidato l'arresto ma non ha applicato misure cautelari.

Da tempo la polizia era sulle tracce di un traffico di droga proveniente dall'estero, un grosso quantitativo di Gbl, comunemente chiamata droga dello stupro. Poi uno dei pacchi sospetti è stato recapitato a casa dell'artista 71enne, tre flaconi con un litro di Gbl. 

GUARDA ANCHE - Chi è Naike Rivelli

Claudia Rivelli, come riporta Il Messaggero, ha spiegato così la situazione: "La sostanza la usavo per pulire l'argenteria e una delle due auto di mio figlio che è rimasta a Roma. Quelle bottiglie le ha ordinate lui su internet, io non sono capace. Una la dovevo mandare a lui perché gli serviva in Inghilterra, dove è legale, l'altra arrivata a casa era un ordine che aveva fatto partire lui in aggiunta, perché il primo non lo consegnavano. Un flacone, poi, io lo tengo sempre a casa per fare le pulizie insieme alla domestica".

In più, il pacco era arrivato prima a casa della madre, deceduta a ottobre: "Era arrivato lì perché quell'ordine era stato chiesto da mia madre a mio figlio. È stata lei a far conoscere a noi le proprietà di questa sostanza per la pulizia e voleva che avessi una bottiglia di scorta anche io. Lei la usava sempre per gli arredi in argento e i metalli".

GUARDA ANCHE - Ornella Muti perfetta in bikini a 66 anni: svelato il segreto della sua dieta

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli