Ornella Vanoni: "Il rock in Italia lo fa solo Vasco. La musica di oggi non la capisco. Lorena Bianchetti? Non è intelligente"

Rolling Stone

Se è vero che con l'età si diventa più democratici, è altrettanto vero che Ornella Vanoni costituisce un'eccezione a ogni regola. In occasione della ristampa di Argilla, album del 1997 in cui interpreta con Paolo Fresu pezzi in chiave jazz, concede a Rolling Stone, una lunga intervista nella quale racconta la sua lunga carriera, il suo rapporto col presente, coi talent show, con la musica contemporanea. Una sola certezza, in Italia il rock è morto.

"Il rock in Italia non esiste. Solo Vasco è rock, perché ha avuto anche una vita rock. Il vero rock lo fa lui. Poi viene Gianna Nannini. E poi, per me, in Italia, il rock finisce lì. Il rock non può avere testi morbidosi, ma intensi come Light my fire".

Salva Lucio Dalla che, grazie alla sua poliedricità, poteva passare senza problemi da un genere all'altro, ma artisti rock oggi non se ne vedono in giro. Un mostro sacro la Vanoni. Lei, che ha cantato il mondo musicale dal Brasile a Napoli, passando per Leonard Cohen tradotto da De André, è certa che a Sanremo l'hanno riscoperta perché "nessuno ha più voce e io ce l'ho ancor più di prima". Sicura di star invecchiando benissimo si intristisce per Amy Winehouse che inserisce nel pantheon delle "bambine tristi insieme a Billie Holiday e Marylin Monroe". Le sue "bambine adorate". La cosa più difficile per un'artista sono i tour. Stancanti e ripetitivi come ripetitiva è la musica italiana oggi.

"Hai sentito la canzone della Bertè? Io sono contenta per lei. (...)La sua canzoncina, però, assomiglia molto a "E la Luna bussò", un reggae. E poi c'è quell'altra canzone. Amore, capoeira, la favela, non sa neanche cosa cazzo dice. Comunque ha avuto successo, buon per loro".

Dei nuovi salva Tiziano Ferro e Fabrizio Moro, adora l'imitazione fatta da Virginia Raffaele. Non le manda a dire a Lorena Bianchetti, "non è intelligente. Mi dispiace per lei, non è un insulto, non mi pare che capisca", e odia i talent show, anche se in Star Academy fece da...

Continua a leggere su HuffPost