Oroscopo di Simon and The Stars: la settimana dal 18 al 24 novembre

Simon and the Stars
Oroscopo

ARIETE

Partiamo da una buona notizia: dall’inizio della settimana, Marte molla finalmente una fastidiosa opposizione che nelle ultime settimane ha creato qualche piccola tensione nell’ambiente di lavoro. Il rapporto con le finanze, così come quello tra colleghi e collaboratori ne ha risentito parecchio. Penso a chi si è sentito “sfruttato” da un capo o un cliente perché ha fatto più del dovuto, o ha fatto degli straordinari non adeguatamente riconosciuti in termini economici. Ma anche a chi sta aspettando che un contratto o una situazione di lavoro diventino più solidi. Ebbene, se hai dato già sfogo alle tue richieste – spero con toni sobri – non hai che da attendere perché entro dicembre potresti ricevere buone notizie. Se invece sei ancora in balia degli eventi, ti invito – sempre con tatto – a esporre le tue esigenze o a tirar fuori ciò che non reputi giusti: ora è più facile ottenere. Ad esempio, le giornate di inizio settimana permettono di fare u passo avanti un una trattativa, o di affrontare una discussione costruttiva e trovare una valida soluzione (o una risposta) ai propri affari intricati. Questo vale anche per chi sta attraversando un periodo sperimentale o di verifica di alcuni progetti e iniziative: all’orizzonte ci sono rinnovi, conferme e contratti più solidi. Favoriti coloro che stanno allargando la propria attività in un’altra città o in un altro paese. Confronti e decisioni importanti intorno a venerdì 22.

Leggi l’oroscopo completo sul sito di Simon & The Stars

TORO

Quando si dice: i nodi vengono al pettine. Da questa settimana Marte è in opposizione, e sarà bene che tu dica le cose come stanno se non vuoi sentirti in una sorta di pentola a pressione. Che si tratti di una richiesta, di un trasferimento, di una trattativa che non si chiude mai o semplicemente del disaccordo con un collega o referente, tira fuori la voce e non aspettare di implodere. C’è un lunedì 18 (specie durante la mattinata) che ti...

Continua a leggere su HuffPost