Orrore a Cattolica dove una 20enne viene stuprata da un dipendente di una ditta edile

Una 20enne è stata stuprata a Cattolica
Una 20enne è stata stuprata a Cattolica

Arriva dalla riviera romagnola la terribile vicenda di un giovane che trascina una ragazza fuori dalla discoteca e la violenta: i media spiegano che un 22enne è stato fermato per un orribile crimine commesso a Cattolica. Fuori da quel locale in provincia di Rimini, il “Malindi”, una 20enne è stata stuprata da un dipendente di una ditta edile. Pare che i due si fossero incontrati all’interno della discoteca nella notte a cavallo fra venerdì 11 e sabato 12 giugno.

La trascina fuori dalla discoteca e la violenta

Dopo qualche ora insieme il 22enne è riuscito a convincere la 20enne a seguirlo nel parcheggio. Lì l’avrebbe costretta ad imboccare una via laterale e vicino alla spiaggia l’avrebbe stuprata. La vittima è stata aiutata in un secondo momento dalle amiche e soccorsa da un equipaggio del 118. E al pronto soccorso dell’ospedale di Rimini i sanitari hanno “riscontrato ferite e abrasioni compatibili con una violenza sessuale”.

Denuncia, testimonianze e fermo

La denuncia è partita subito, anche perché ai carabinieri la vittima aveva già detto di aver rifiutato le attenzioni del 22enne in più occasioni della serata. Decisive anche le dichiarazioni delle amiche dalla giovane, che hanno consentito ai carabinieri di rintracciare e fermare il 22enne.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli