Ortopedia 4.0 con 'tatuaggio' elettronico che vigila su protesi e paziente

·4 minuto per la lettura

Una nuova tecnologia wireless applicabile a qualunque tipo di protesi ortopedica, che riesce a individuare e localizzare la presenza di micro-fratture, non rilevabili dall'esterno, prima che danneggino la protesi. E' l'innovativa tecnologia sviluppata dal gruppo di ricerca di Elettromagnetismo pervasivo della Facoltà di Ingegneria medica all'Università di Roma Tor Vergata, diretto da Gaetano Marrocco. I risultati dello studio sono stati pubblicati su 'Ieee Journal of Electromagnetics, Rf and Microwaves in Medicine and Biology'.

"Ogni anno - spiega il docente - più di 2,9 milioni di persone in tutto il mondo si sottopongono a protesi articolari. Sebbene siano realizzate per durare anni, le statistiche rivelano che il 5-10% andrà incontro a cedimenti prematuri. Una delle cause principali è la generazione di micro-fratture dovute alla fatica. Le micro-fratture sono un problema ancora lontano dalla risoluzione, nonostante i recenti progressi nella progettazione ne abbiano ridotto significativamente l'incidenza". Le micro-fratture infatti possono essere rilevate durante gli screening periodici, ma utilizzando apparecchiature specialistiche, grazie ai raggi X o alla risonanza magnetica nucleare. Nei casi peggiori, il rilevamento si basa direttamente sull'insorgenza del dolore nel paziente, dovuto però a un danneggiamento ormai avanzato.

"L'inevitabile inconveniente di un intervento di revisione - rileva Marrocco - potrebbe invece essere mitigato a condizione che la generazione di micro-fratture sia tempestivamente identificata nello stato iniziale e il paziente sia sottoposto, quando possibile, a una opportuna correzione posturale". E in un'ottica di rilevamento costante e non invasivo delle protesi ortopediche, il gruppo di ricerca ha trovato un modo per 'tatuare' sulla protesi un sensore di frattura che trasmette all'esterno, in modalità wireless, informazioni sull'eventuale presenza di anomalie meccaniche superficiali.

Il sensore ha una forma particolare e riesce a coprire quasi completamente la parte di protesi da monitorare. La sua forma è stata scelta in base alle proprietà di una particolare curva matematica, chiamata Space Filling Curve (Sfc - curva che riempie lo spazio), scoperta per primo dal matematico italiano Giuseppe Peano (1858-1932) e poi raffinata da David Hilbert (1862-1943) e da vari matematici negli anni seguenti (Fukuda, Gosper). Queste curve, generabili con semplici formule matematiche, hanno la capacità di riempire una superficie senza mai intersecarsi. Formano densi labirinti e possono avere l'apparenza di isole che si interconnettono, come gli elementi delle opere di Escher. "Ma se realizzate con un filo conduttore o con inchiostro conduttivo - precisa Marrocco - le Sfc possono essere considerate come un elettrodo che diventa sensibile alle interruzioni, come quelle prodotte da una fessurazione della superficie".

Per applicare questa idea al monitoraggio dell'integrità meccanica di protesi ortopediche, la Sfc viene realizzata tramite un'impercettibile incisione sulla superficie della protesi, sia essa metallica, ceramica o polimerica. L'incisione è poi riempita con un isolante e infine con una vernice conduttiva che forma l'elettrodo. Si ottiene così un 'tatuaggio' elettronico che veglierà con discrezione sull’integrità della protesi.

Ma come funziona? "Per rilevare l'eventuale micro-frattura/interruzione - illustra ancora il docente - l'elettrodo è collegato a uno speciale microchip. Una volta interrogato dall'esterno con un lettore simile a quello usato per leggere le etichette elettromagnetiche di molti indumenti (sistemi di Radiofrequency Identification - Rfid), il microchip inietta una debole corrente nell'elettrodo. In caso di presenza di una micro-frattura, il chip rileva una condizione di circuito aperto e trasmette quindi un bit di allarme all’interrogatore esterno. Se la protesi è stata tassellata, ogni tassello sarà provvisto di un chip con un codice di identificazione univoco. In questo modo la frattura sarà anche localizzabile", rimarca Marrocco.

Dal momento che la lettura può essere eseguita fino a un metro di distanza, anche l'ambiente in cui vive il paziente, opportunamente sensorizzato, potrà farsi carico di effettuare controlli periodici. Questa modalità è stata già sperimentata dal gruppo di ricerca usando un fantoccio di gamba e una protesi di anca realizzata con stampa 3D in collaborazione con il Laboratorio di Prototipazione virtuale di Tor Vergata, diretto da Pier Paolo Valentini.

"Questa innovazione - evidenzia Marrocco - apre la strada a una diagnosi precoce e personalizzata dello stato di salute del paziente. Con la medesima tecnologia, è infatti possibile ottenere informazioni sulla temperatura interna e identificare infiammazioni locali dovute a mal integrazioni della protesi, infezioni o rigetto. Il microchip - puntualizza il docente - è inoltre provvisto di una piccola memoria interna e può conservare i dati sul modello della protesi, la data di impianto ed eventuali note sull'esito degli ultimi controlli medici, funzionando così come una cartella clinica digitale che diventa un tutt'uno con il paziente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli