Oscurato gruppo Facebook dei pinguini: “Siamo sotto attacco”

Oscurato gruppo Facebook dei pinguini

Dopo la pagina principale delle sardine, è stato oscurato anche il gruppo Facebook dei pinguini. A denunciarlo è stato uno dei suoi fondatori, Leonardo Cisaria, il quale ha affermato che potrebbe trattarsi di un attacco hacker.

Oscurato gruppo Facebook dei pinguini

Nato con l’intento esplicito di raggruppare elettori del centrodestra ed opporsi al movimento delle sardine, il gruppo aveva raccolto circa 180 mila adesioni. Dal momento della sua apertura gli utenti vi avevano condiviso almeno 5 milioni di post riguardanti i più svariati argomenti del dibattito pubblico.

Fino a quando nella serata di venerdì 6 dicembre 2019 nessuno è più riuscito ad entrarvi a causa di un suo oscuramento da parte del social network. Chiunque provi ad accedervi si troverà infatti davanti alla scritta “Spiacenti, questo contenuto non è al momento disponibile“.

Inizialmente si era pensato che ciò fosse dovuto, come per la pagina delle sardine, alla ricezione di troppe segnalazioni. Ma il loro numero, in relazione alla quantità di post pubblicati, si è rivelato irrisorio. Perciò Leonardo ha sostenuto che probabilmente si è trattato di un attacco hacker che spera possa essere risolto il prima possibile.

Sul suo profilo personale ha condiviso un post informando i suoi seguaci di quanto accaduto e affermando che il gruppo sarà sempre più unito, non si fermerà e sta già lavorando per uscirne ancora più forte. Intervenuto sulla questione anche un altro portavoce del movimento, Potito Perruggino, che spera che i pinguini possano tornare presto ad avere una voce sui social. “Stiamo dando fastidio a qualcuno che ci aveva sottovalutato, come spesso accade quando si parla dell’attivismo del popolo di centrodestra“, ha aggiunto.