Oslo, in 40mila in piazza per cantare un brano odiato da Breivik

Oslo, 26 apr. (Ign) – Circa 40mila persone si sono ritrovate oggi in piazza Youngstorget a Oslo per cantare ‘Children of the Rainbow' (‘Bambini dell'Arcobaleno') e manifestare così tutto il loro disprezzo nei confronti Anders Behring Breivik.

L’autore della strage di Utoya ha infatti dichiarato di detestare quel brano, opera del cantante folk locale Lillebjorn Nilsen e molto popolare nel Paese. Secondo il killer Nilsen è “un buon esempio di marxista” che è riuscito a infiltrasi nella scena culturale e che la sua canzone è rappresentativa del “lavaggio del cervello fatto sugli scolari norvegesi”. "Vivremo insieme, ognuna sorella e ognuno fratello, piccoli figli dell'arcobaleno e di una terra verde", recita il ritornello della canzone.

I manifestanti, che si sono organizzati attraverso il web, indossavano impermeabili colorati e portavano in mano bandiere norvegesi e rose. A ‘guidare’ la folla proprio Nilsen accompagnato dalla sua chitarra. Molti i bambini presenti.

Sempre cantando, i manifestanti si sono spostati verso il tribunale dove è in corso il processo di Breivik per aggiungere le loro rose alle altre adagiate lungo le barriere di sicurezza.

Lill Hjoennevaag, uno dei due norvegesi che ha organizzato la protesta su Facebook, ha detto alla ‘NRK TV’: "Mi sentivo come se stesse calpestando una canzone con cui sono cresciuto e che ora canto a mio figlio.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno