All’ospedale di Codogno dimesso l’ultimo paziente Covid: chiusa area

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 giu. (askanews) - Oggi all'ospedale di Codogno, il comune di 15mila abitanti della Bassa Lodigiana diventata l'anno scorso la Wuhan italiana, è stato dimesso l'ultimo paziente Covid. Lo ha annunciato con una nota la Asst di Lodi.

In occasione della chiusura dell'area Covid, il responsabile di Pneumologia e referente dell'Area Gialla Covid di Codogno, Francesco Tursi, ha indirizzato una lettera al direttore generale per ringraziare i pazienti e tutto il personale della struttura (dai medici fino alle addette alle pulizie) "che si è speso senza risparmiarsi, mettendo a rischio anche la propria vita per il bene dei nostri concittadini". "Insieme abbiamo affrontato una grande mole di lavoro, non perdendo mai la bussola a favore del cedimento, della stanchezza. Nelle notti, quelle che apparivano insormontabili per alcuni pazienti, voi siete stati una sorta di faro, una luce accanto, potente e dolce" si legge, tra l'altro, nella lettera, aggiungendo che "i giovani medici sono stati instancabili ed indomabili, si sono spesi alacremente crescendo in maniera esponenziale dal punto di vista professionale e umano in pochissimo tempo, diventando punti di riferimento per i loro pazienti, che hanno amato dal primo giorno".

Ringraziando i medici uno ad uno chiamandoli per nome, e "tutto il personale che è stato con noi nel corso della prima ondata Covid", Tursi dice "avete trasformato un piccolo ambulatorio in un servizio di eccellenza per il territorio, avete risposto a un uragano con tenacia e senza mai mollare il colpo. L'intero territorio vi sarà riconoscente". "Nulla è stato pari al volto anche solo di un paziente che avevamo aiutato a guarire, vedere nei suoi occhi battere la vita - conclude il responsabile di Pneumologia - risalire alla vita, come lentamente tutti stiamo facendo ai margini di un momento che verrà ricordato nei libri di storia".