Ospedale San Paolo di Napoli, denuncia dei Verdi: “Situazione di degrado”

ospedale san paolo napoli degrado

Lenzuola sporche di sangue e pazienti abbandonati nel degrado. Queste le immagini che denunciano una situazione di grave degrado all’interno dell’Ospedale San Paolo di Fuorigrotta a Napoli. Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, non ha esitato a pubblicare il video in rete, generando molto scalpore. Le immagini ritraggono infatti alcuni pazienti stesi sui letti tra lenzuola sporche, macchiate da un liquido che sembra essere sangue. Ripreso anche un paziente che si è ferito nell’intento di togliersi il catetere senza la supervisione dei medici, in un totale stato di abbandono. “Trovo inaccettabile che dei pazienti siano lasciati per ore in tali condizioni. Abbiamo inviato una nota alla Asl Napoli 1 chiedendo l’apertura di un’inchiesta interna”, ha dichiarato Borrelli secondo quanto riferito dall’edizione partenopea del quotidiano online Fanpage.

Ospedale San Paolo: replica dell’Asl

Non si è fatta attendere la replica dell’Asl Napoli 1. Poche ore dopo la pubblicazione del video in rete, l’ente ha diramato un comunicato stampa nel qualche si ribadisce come all’Ospedale San Paolo di Napoli non vi sia nessuna emergenza degrado in corso. Le immagini mostrate nel video sarebbero invece montate ad arte per mostrare una situazione molto lontana dalla realtà. Ciro Verdoliva, direttore dell’Asl Napoli 1, ha sottolineato inoltre come le immagini siano state riprese e diffuse in totale violazione alla privacy dei pazienti e senza alcuna autorizzazione. Questo genere di operazioni mediatiche, continua il comunicato, va a discapito non solo dei pazienti ma anche di medici e infermieri che svolgono ogni giorno il loro lavoro con dedizione e professionalità.

Sia l’Ospedale San Paolo che il San Giovanni Bosco, entrambi di Napoli, hanno dovuto rispondere ad accuse di degrado e malasanità già qualche anno fa. Nel primo era stata riscontrata e contestata la presenza di formiche in alcuni letti dei pazienti e nel secondo quella di zanzare e scarafaggi.