Ospite a Coffee Break il leader di Italia Viva illustra il risultato utile per il Terzo Polo

Matteo Renzi a Frosinone
Matteo Renzi a Frosinone

I conti di Matteo Renzi arrivano da L7: “Solo se facciamo più del 10% Meloni non va a Palazzo Chigi“. Ospite a Coffee Break il leader di Italia Viva illustra il risultato considerato utile per il Terzo Polo e parla di una soglia di “sbarramento” della leader di FdI che sta al 10%, un po’ meno di quanto il suo front man nel Terzo Polo, il leader di Azione Carlo Calenda, non avesse detto; lui il Terzo Polo lo vede al 13%.

I conti di Matteo Renzi e quel “più del 10%”

Alla domanda se l’esito del voto del 25 settembre fosse già scritto Renzi ha detto di no: “Enrico Letta ha fatto tutta la campagna per Meloni”. E ancora: “Pur di farla vincere ha sbagliato le alleanze, ha proposto di aumentare le tasse, poi nel Pd si stupiscono se i loro sondaggi crollano”.

“Una bella sfida, siamo un partito giovane”

Poi la chiosa: “C’è una sola possibilità che Meloni non vada a Palazzo Chigi: che noi si faccia più del 10% ed è ovviamente una bella sfida perché siamo un partito appena nato”. Poi Renzi ha spiegato in chiosa: “Se noi facciamo più del 10% impattiamo sui collegi ed abbiamo un numero tale da provare ad avere un esecutivo diverso da quello a guida Giorgia Meloni”. E poi: “Se la Meloni ha i numeri è giusto che governi, io non dirò che è fascista ma andrò all’opposizione”.