Ospiti tenuti a digiuno, sui social impazza lo Sweden Gate

featured 1617488
featured 1617488

Milano, 8 giu. (askanews) – È diventato virale sui social l’hashtag Sweden Gate, collegato a un dibattito nato sul web su una presunta abitudine svedese: di escludere dalla cena le persone esterne alla famiglia, in particolar modo i bambini ospiti in casa dei loro amici. Tante le testimonianze iniziate su Reddit e poi su Twitter di esperienze di esclusione, con l’ospite relegato in una stanza a parte durante la cena degli altri. Un dibattito, a metà strada fra lo scandalo e l’ironia, che dopo il tormentone social si è trasferito nelle strade e nelle case di Stoccolma.

“Credo sia questione di cultura e di esperienza fondamentalmente. Da piccolo stavo sempre nella stanza dei miei amici quando cenavano ma almeno mangiavo un panino! Se capisci cosa intendo”, spiega Roy Ghazi, abitante della capitale svedese.

“È diventato un argomento di conversazione a cena, siamo tutti un po disorientati, ne parliamo tutti perché è d’attualità, ne abbiamo sentito parlare, ma non abbiamo mai subito qualcosa del genere”, dice Sofia Pihlgren.

“Quando ero più giovane, bambina, a volte dovevo restare in camera dei miei amici, a giocare nell’attesa che finissero la cena. Sì, è una cattiva usanza”, commenta la pensionata Agneta Ahlund.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli