Osservasalute: nel Ssn prosegue riduzione di medici e infermieri

Sav

Roma, 24 giu. (askanews) - Nel 2017 il numero di medici e odontoiatri del SSN di 105.557 unit, registrando un calo dell'1,5% rispetto al 2014, quando i medici erano 107.276; per quanto riguarda il personale infermieristico si registra una riduzione dell'1,7% del numero di unit che passano da 269.151 nel 2014 a 264.703 nel 2017. E' quanto si rileva nel rapporto Osservasalute 2019, curato dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane che opera nell'ambito di Vihtaly, spin off dell'Universit Cattolica, presso il campus di Roma.

Il tasso di medici e odontoiatri del SSN per 1.000 abitanti, spiega il dossier, in diminuzione, a eccezione di Trentino-Alto Adige, Puglia, Umbria e Sardegna. In particolare, in tutte le Regioni del Centro e del Sud e delle Isole la riduzione del tasso di medici e odontoiatri per 1.000 abitanti risulta pi marcata e in via generale con valori superiori al dato nazionale. Per il tasso di infermieri del SSN per 1.000 abitanti, a eccezione di Valle d'Aosta, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata e Calabria, in tutte le Regioni si riscontra il trend negativo registrato a livello nazionale. In particolare, le riduzioni pi marcate si registrano in Abruzzo, Liguria, Friuli Venezia Giulia e Molise.

Infine il rapporto rende noto che, dal punto di vista dell'attivit di assistenza erogata dagli ospedali, il tasso standardizzato di dimissioni ospedaliere a livello italiano mostra un andamento in progressiva riduzione nel periodo 2013-2018, passando da 155,5 ricoveri su 1.000 residenti del 2013 a 132,4 per 1.000 del 2018. Nel 2018, nessuna regione italiana presenta valori oltre soglia (DM n. 70/2015 ha fissato la soglia a 160 per 1.000).